Tanti soldi per l’assistenza agli anziani, arriva il bonus badanti: ecco gli importi ed i requisiti

Con l’approvazione del decreto PNRR, arriva un’iniziativa rivoluzionaria nel settore dell’assistenza domiciliare: il “bonus badanti”.

Il bonus badanti rappresenta un importante sostegno per coloro che si dedicano all’assistenza domiciliare di persone non autosufficienti. Un’agevolazione economica prevista dallo Stato italiano per garantire un aiuto concreto a chi si prende cura degli altri all’interno del proprio contesto familiare. Ecco in cosa consiste e quali sono i parametri per ottenere questo incentivo.

Bonus badanti
Il bonus badanti: un incentivo fondamentale per le famiglie italiane – (radioincontro.it)

Coloro che assistono persone non autosufficienti direttamente nel proprio domicilio: persone fondamentali. Questo sostegno è rivolto principalmente a familiari o conviventi che si dedicano all’assistenza di anziani, disabili o malati, garantendo loro una qualità di vita migliore all’interno del contesto domestico.

Il bonus badanti rappresenta un importante sostegno economico per le famiglie italiane che si trovano ad affrontare il compito dell’assistenza domiciliare. Grazie a questa agevolazione, le famiglie possono usufruire di un aiuto finanziario che contribuisce a coprire i costi legati all’assistenza e al sostegno delle persone non autosufficienti. Per poter beneficiare di questa agevolazione, è necessario soddisfare alcuni requisiti stabiliti dalla legge.

Bonus badanti: criteri e modalità

Con l’approvazione del recente decreto PNRR, convertito in legge, è stata introdotta un’iniziativa rivoluzionaria nel settore dell’assistenza domiciliare: il “bonus badanti”. Questa misura si configura come un sostegno essenziale per i datori di lavoro domestico, offrendo loro un esonero contributivo totale per l’assunzione di badanti dedicati ad anziani di almeno 80 anni, titolari di una pensione di accompagnamento.

Bonus badanti
Bonus badanti: criteri e modalità – (radioincontro.it)

In sintesi, questa iniziativa prevede un esonero del 100% dei contributi previdenziali e assicurativi per i datori di lavoro che assumono lavoratori per l’assistenza ad anziani non autosufficienti. Per poter beneficiare del bonus badanti, i datori di lavoro devono rispettare alcuni criteri specifici.

Il lavoratore deve essere assunto a tempo indeterminato o trasformato da un contratto a tempo determinato. L’esonero dal pagamento dei contributi è limitato a 3.000 euro annui per datore di lavoro. L’anziano assistito deve avere almeno 80 anni e essere titolare dell’indennità di accompagnamento. Il valore ISEE del datore di lavoro non deve superare i 6.000 euro. È necessario presentare un ISEE precompilato o ordinario in corso di validità che sia sotto la soglia indicata.

I datori di lavoro non possono assumere parenti o affini per beneficiare dell’esonero, a meno che non si tratti di assistenza a specifiche categorie di invalidi o di prestazioni di servizio in ambiti molto particolari. Non si ha diritto al beneficio se si è concluso un rapporto di lavoro domestico con lo stesso lavoratore o con un membro del nucleo familiare del datore di lavoro nei sei mesi precedenti. Il bonus badanti sarà attivo fino al 31 dicembre 2025, e sarà l’INPS a comunicare la data esatta di avvio dell’agevolazione e a gestire le modalità di domanda.

Impostazioni privacy