Bonus quattordicesima: rischi di perderlo se hai superato questo limite

Limite di reddito per la quattordicesima pensione: ecco cosa succede se lo superi. Vediamo tutto quello che devi sapere in merito a tale situazione.

Viene rinnovata anche nel 2024 il pagamento della quattordicesima, ovvero la somma aggiuntiva alla pensione introdotta dalla legge n. 127 del 3 agosto 2007 e successivamente modificata dall’articolo 1, comma 187, della legge di Bilancio del 2017 con la quale è stata estesa la platea dei beneficiari e gli importi spettanti.

Limite quattordicesima pensione: se lo superi lo perdi
Bonus quattordicesima pensione: rischi di perderlo superando questi limite – radioincontro.it

La quattordicesima della pensione è pagata a luglio o a dicembre per chi ne matura i requisiti dall’1 agosto al 31 dicembre dell’anno di riferimento. Essendo una maggiorazione sociale  spetta soltanto a determinate categorie di pensionati ovvero solo a coloro che percepiscono una pensione d’importo pari o inferiore ai limiti fissati dalla normativa 7.

Quattordicesima pensione: rischi di perderla in questo casi

Se ti stai chiedendo quali siano tali limiti diciamo che non c’è una giusta risposta. Infatti i limiti di reddito entro cui stare per avere diritto alla quattordicesima delle pensioni li stabiliscono annualmente in base all’inflazione rilevata nei 12 mesi precedenti.

Bonus quattordicesima pensione: presta attenzione a ciò
Fai attenzione: se superi questo limite perdi la quattordicesima sulla pensione – radioincontro.it

La quattordicesima è erogata nei confronti dei titolari di uno o più trattamenti pensionistici a carico dell’Ago (assicurazione generale obbligatoria) ovvero:

  • i lavoratori dipendenti;
  • le gestioni speciali dei lavoratori autonomi;
  • la gestione separata;
  • le forme sostitutive;
  • del Fondo clero.

Per averne diritto è necessario soddisfare determinati requisiti legati al reddito, come ad esempio aver compiuto almeno i 64 anni di età. Inoltre la legge sulla quattordicesima pensione ha stabilito che è riconosciuto solo al di sotto di un massimale di reddito. La disposizione che introduce la quattordicesima mensilità per i pensionati, dovuta a fronte di un reddito individuale, è superiore a due volte il trattamento minimo annuo del Fondo pensioni lavoratori dipendenti.

Nel reddito complessivo, prosegue il comma 1 dell’articolo 5, “si tiene conto dei redditi di qualsiasi natura, compresi i redditi esenti da imposte e quelli soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta o ad imposta sostitutiva. Non sono inclusi redditi derivanti dall’assegno per il nucleo familiare.

L’importo della quattordicesima dipende da una serie di condizioni. Ad esempio se il reddito individuale è inferiore a 1,5 volte l’importo della pensione minima, oppure se è compreso tra le 1,5 e le 2 volte. La quattordicesima spetta esclusivamente a coloro che hanno un reddito non superiore a 2 volte il trattamento minimo previsto nel fondo pensione lavoratori dipendenti. Conosciuto anche come “pensione minima”, nel 2024 ha un importo annuo pari a 7.781,93 euro. Il limite da non superare per avere diritto alla quattordicesima nel 2024, dunque, è di 15.563,86 euro.

Impostazioni privacy